Salotto e forchetta, tinélo e piròn

Mi, co vojo ben, vojo ben in veneto.

Mi, co me rabio, me rabio in veneto.

E quando che insogno, insogno in veneto.

Parché so sta fortunà: finché la maestra la me insegnava a scrivare salotto e forchetta, gabbiani e maiali, capelli e sedie a casa inparavo a dire tinelo e piron, cocai e mas-ci, sgrendene e careghe. Finché a tola se parla de spaghetti mi penso ai bigoli, e quando che uno me dà del stupido mi penso che el ze un mona. E magari lo mando anca, in mona.

Parché? Parché par lavoro scrivo in italian, ma el me core el bate in veneto. Uncò la ze la zornada internasionale dela lengua mare e vojo scrivare in veneto, che la ze la me lengua. I pole dire quel che i vole: el veneto no’l ze un dialeto e, anca se el ga dele grandi diferense fra na banda e quel’altra de sta tera de meraveje, el ga tute le carateristiche dela lengua.

El Stato italian no’l riconose el veneto come na lengua vera e propria, ma l’Unesco l’amete adiritura che la ze na lengua vulnerabile. Vulnerabile parché i ga fato in modo che i veneti se vergognase dela so lengua par tanti ani, e parole come tinelo e piron no bisognava gnanca pensarle.

Tanti i la ga persa par strada, la lengua veneta, ma nele case del Veneto mejari de fameje i la parla ancora. Qua costuma che in tinelo te parli in veneto e davanti al capuficio te ghe disi “sì signor” in italian, parché al lavoro par bruto parlare veneto.

Invese bisogna conosare par ben tanto el veneto quanto l’italian. Se gò davanti uno che no’l parla veneto gò el dovere de parlare italian. Ma se semo fra persone che parla in veneto, parché scondarse drio n’altra lengua?

Però el veneto bisogna conosarlo, bisogna saverlo lezare e scrivere. La base la ze pì o manco quela, ma a seconda dela provincia vien fora le varie diferense. Canbia poco che se scriva “ze” o “xe”, l’inportante la ze la gramatica e l’uso dele nostre vece, care parole venete.

Eco, uncò casca la zornada internasionale dela lingua madre, indeta dal’Unesco proprio par promuovere la diversità linguistica e culturale e el multilinguismo. Ghe ze in Veneto un stravento de gramatiche, vocabolari, tradutori e libri in lengua veneta. Demoghe na leta e stasera, davanti al spriss o intorno ala tola coi bocia che magna prima de tornare a zugare col telefono, fasemo na bela ciacola in veneto.

Da doman femo senpre in tenpo a dirghe sì signor al capuficio. E a mandarlo mentalmente in mona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...