L’Insaziabile e la ricetta della crema fritta

Vi è piaciuta la videoricetta della crema fritta dell’Insaziabile (Se ve la siete persa la trovate qui http://bit.ly/2Bqd8Ii) e vi piacerebbe preparare questo dolce delizioso?

Niente paura, ecco la ricetta, rigorosamente in veneto e altrettanto rigorosamente con le misure a cucchiai, cucchiaini & bicchieri, così non vi serve neppure la bilancia!

Ingredienti


Par la crema: 
4 balote de ovi de gaine de corte, na s-cianta de vanilia, do scuglierini de amido de formenton, un scugliero de farina, tre sculieri de sucaro, do goti de late e mezo goto de pana fresca.

Par frizare:

Pan gratà, ovo, ojo o butiro.

Eco come che la se fa:

Par prima roba destregolare la vanilia, dividendo i semeti e la sgussa.

Dopo se ciapa el late e la pana, e li se mete in te na tecia alta: se zonta la scorsa dela vanilia e se alza el fogo, fin quando che el late el taca a bojare.

In te n’altra teceta se mete le balote dei ovi coi semeti de vanilia e se sbate tuto insieme al sucaro. Dentro sto pocio se ghe mete l’amido de mais e la farina, e tuto se zonta al late cola pana scaldà. Me racomando: cavé la scorsa de vanilia che dopo la scrissia.

A sto punto se smissia tuto par ben e se rimete sul fogo basso. Sensa smetare de smissiare, se fa infissir la crema fin quando che la ze cota.
Sensa perdare tempo, ciapé la crema e la metì dentro na pignata da forno de quele larghe e basse, in modo che la vegna alta do dei. Ma no stasì metarla in frigo o querta, che la se mola tuta. La lassé che la vegna freda par conto suo.

Fine dela prima parte: bevive un goto de vin dolze par riposarve dale fadighe.

Par la seconda parte bisogna preparare tre scuele: nela prima ghe va el pan gratà, nela seconda l’ovo sbatù e nela terza ancora pan gratà. Intanto se mete sul fogo na pignatela alta e streta piena de ojo. Qualcun el dopara el struto, beati lori. Nei veci ricetari che gò consultà par sta riceta i doparava anca el butiro.

Se ciapa la pignata cola crema, che intanto la ze vegnù freda, e se taja la crema a ronbi, come queli del costume de Arlechin.

Ogni singolo tocheto vien pasà prima nel pan gratà, dopo nel’ovo e uncora nel pan gratà. Po’ via nel’ojo de bojo (o struto, o butiro) fin quando che el vien dorà.

Se suga co un toco de carta e se magna sta meraveja bela calda. Ma atension, che fora la pare freda e par dentro la zé cofà l’inferno.

Eco, questa la ze la riceta. Ma se no gavì voja de far fadiga ndasì pure in serca par Venesia e Ciosa: trovaré dele creme frite da capotarse!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...